La casa del rilievo di Telefo


Con l'attigua Casa della Gemma costituiva un complesso forse appartenuto a M. Nonius Balbus ed è la seconda, per grandezza, di Ercolano (1800 mq accertati).
Costruita in posizione panoramica, lungo la scarpata verso la marina, la casa era articolata su tre livelli sovrapposti e possedeva una ricca collezione di sculture di scuola neoattica, tra cui il rilievo con il mito di Telefo, figlio di Ercole (mitico fondatore della città).
La struttura attuale risale all'età augustea (27 a.C.-14 d.C.), con rifacimenti dopo il sisma del 62 d.C. L'atrio è simile a un peristilio, con colonne che sorreggono non gli spioventi del tetto, ma le stanze del piano superiore, come in alcune case greche.
Tra le colonne sono appesi i calchi degli oscilla di marmo qui rinvenuti (dischi o maschere solitamente di argomento dionisiaco utilizzati con funzione apotropaica).

La casa del rilievo di Telefo

La casa del rilievo di Telefo
  • Condividi:
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Digg
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Live Bookmarks