La casa del Salone Nero


Un archivio di 20 tavolette cerate, rinvenute in una stanza, informa del ricco liberto L. Venidius Ennychus, che abitava la casa o la gestiva per conto del proprietario.
L'ingresso conserva stipiti, architrave e parte del portone in legno carbonizzato.
La casa presenta la successione di vestibolo, atrio, tablino, peristilio: questo ha pavimento a mosaico nero e colonne disposte in modo che dalle stanze si vedesse il giardino.
Il 'salone nero', sul lato Ovest del peristilio, e le due diaetae (ambienti di soggiorno) sono dipinte in raffinato 'IV Stile': nel 'salone nero', con pavimento a mosaico bianco, furono rinvenuti un tavolo di marmo e un pregiato larario (edicola) di legno, con capitelli marmorei (ora nell'Antiquarium).
Su una semicolonna del peristilio, presso il tablino, fu graffito il prezzo (undici assi) per lo spurgo di un pozzo nero: exemta ste(r)cora a(ssibus) XI.

La casa del Salone Nero

La casa del Salone Nero
  • Condividi:
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Digg
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Live Bookmarks