È una delle più grandi e complesse abitazioni di Pompei, che con la sua facciata occupa tutto il lato corto dell’isolato. La casa è articolata su due atri* e un peristilio*. Il primo atrio con colonne corinzie in tufo era monumentale e solenne, abbellito da un raffinato arredo marmoreo che sottolineava la ricchezza del proprietario. Comprendeva una tavola in marmo a zampe di leone, una base scanalata che sosteneva una statua di Satiro in marmo, e una vasca di raccolta per una fontana. Sul lato destro dell’atrio è esposta la cassaforte in legno ricoperta da una lamina di ferro ritrovata durante gli scavi. Il secondo atrio, con colonne doriche, era circondato da ambienti residenziali e di servizio. La casa era stata costruita in età pre-romana per una famiglia locale di alto livello; non è chiaro se questa fosse quella degli Obellii, che abitarono la casa prima dell’eruzione e svolsero un ruolo di primo piano nella vita politica cittadina. Data di scavo: 1888; 1903; 1910-1911. 

  • Condividi:
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Digg
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Live Bookmarks